Emma

Emma (2020): La trasposizione aggiornata di un classico

Emma locandina del film

Emma

Titolo originale: Emma

Anno: 2020

Paese: Regno Unito

Genere: Commedia, sentimentale

Produzione: Working Title Films, Blueprint  

Distribuzione: Universal Pictures

Durata: 124 min

Regia: Autumn de Wilde

Sceneggiatura: Eleanor Catton

Fotografia: Christopher Blauvelt

Montaggio: Nick Emerson

Musiche: Isobel Waller-Bridge

Costumi: Alexandra Byrne

Attori: Anya Taylor-Joy, Johnny FlynnBill NighyMia Goth, Miranda Hart, Josh O’Connor, Callum Turner, Gemma Whelan, Rupert Graves, Tanya Reynolds, Amber Anderson

Trailer del film Emma

                                                                          

“Emma Woodhouse, bella, intelligente e ricca, con una casa confortevole e un carattere allegro, sembrava riunire in sé il meglio che la vita può offrire, e aveva quasi raggiunto i ventun’ anni senza subire alcun dolore o grave dispiacere.”

Incipit del film

Trama di Emma

Nell’epoca Regency, Emma Woodhouse (Anya Taylor-Joy) è una giovane aristocratica di una famiglia di Highbury. Orfana di madre, dopo il matrimonio della sorella, rimane da sola con il padre ipocondriaco Mr. Woodhouse (Bill Nighy) e la sua tata Miss Taylor (Gemma Whelan). La giovane vive tranquillamente la sua esistenza fino a quando anche quest’ultima prende marito. L’assenza della sua tata che per lei era come una madre lascia ad Emma un vuoto, un vuoto che decide colmare aiutando il prossimo; pertanto decide di coltivare una nuova passione, quella di combinare matrimoni.


La prima persona che prenderà sotto la sua ala protettrice è Miss Smith (Mia Goth), una ragazza di diciassette anni che vive nel convitto femminile della cittadina e che ha delle origini ignote. Anche se avvertita da Mr. Knightley (Johnny Flynn), cerca di farla maritare con Mr. Elton (Josh O’Connor), il parroco del paese che ha mire più alte per il suo matrimonio.

Nel mentre comincia a provare interesse per il giovane ed estroverso Frank Churchill (Callum Turner) arrivato da poco nella cittadina e atteso da tempo. Tra malintesi e fraintendimenti alla fine Emma riuscirà ad imparare dai suoi errori e diventare più saggia non rinunciando al suo gioioso carattere.

Emma
Una scena tratta dal film Emma

La recensione del film

La pellicola Emma è il nuovo adattamento del romanzo omonimo di Jane Austen; purtroppo la distribuzione italiana è stata fatta esclusivamente su piattaforme streaming causa emergenza Covid.
Tra le trasposizioni più note fatte in precedenza abbiamo il film “Emma” del 1996 con protagonista Gwyneth Paltrow, la versione in chiave moderna “Ragazze a Beverly Hills” del 1995 con Alicia Sylverstone e la mini serie TV del 2009 “Emma”, targata BBC con Romola Garai nel ruolo della protagonista.

Autumn de Wilde debutta alla regia con uno schema che ricalca una sorta di “commedia degli errori” e punta a svecchiare alcune caratteristiche della storia prendendosi alcune libertà, con una narrazione più fresca e sbarazzina. Sceglie di dare più spazio ai sentimenti dei vari personaggi, soprattutto per quanto riguarda Emma e Mr. Knightley. Allontanandosi così dai dettami della classica trasposizione, ma lasciandone l’essenza. Infatti il personaggio risulta essere controcorrente tra quelli proposti dalla Austen, vista la sua posizione sociale non ha bisogno di sposarsi e non ne sente la necessità. In questa versione aggiornata del classico questa caratteristica viene marcata nettamente ed utilizzata come tematica attuale legata al filone femminista.

I costumi sono stati affidati al premio Oscar Alexandra Byrne che studia uno stile per ogni personaggio e gioca con una gamma di colori, da quelli pastello a quelli più accesi, che oltre a definire l’epoca, caratterizzano alcuni momenti chiave della storia. Risultano interessanti anche le scelte scenografiche che seguono il filo conduttore dello stile e del colore incorniciando la narrazione come se fosse un quadro. Da citare la colonna sonora che utilizza brani in chiave moderna alternati ad alcuni classici o originali.

Convince l’interpretazione di Anya Taylor-Joy in questa versione del personaggio un po’ immaturo ed altezzoso; persuaso di essere sempre nel giusto mentre è in cerca di sé stesso, in un mondo a lei molto congeniale, pieno di convenzioni, pregiudizi e segreti. Il personaggio di Mr. Knightley invece risulta più fisico e leggermente più tormentato tra i suoi doveri e i suoi sentimenti. Viene interpretato da un Johnny Flynn sempre in parte, attore visto in precedenza in Sils Maria, Song One e nell’atteso Stardust in cui interpreterà David Bowie.

Emma (2020): La trasposizione aggiornata di un classico 1
Una scena tratta dal film Emma

In conclusione il film riesce a distanziarsi abbastanza dalle altre trasposizioni, risultando una pellicola godibile con un buon ritmo e con tematiche attuali. Evita di creare un solco troppo netto tra il classico e il moderno, ma proprio per questo potrebbe far rimanere perplessi i fan della storia su cui si basa.

Note positive

  • Costumi     
  • Scenografia
  • Ritmo 

Note Negative

  • Una trasposizione che potrebbe non convincere tutti proprio perchè si allontana dai classici dettami.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.