Vivere di Akira Kurosawa – L’uomo in tutte le sue sfumature

La vita è così breve

 affrettati ad amarla…

 Prima che il rosso

 svanisca dalle tue labbra

 prima che la marea della passione

 si plachi…

 Per quelli di voi

 che non hanno un domani

 (Canzone tratta da Vivere)

Considerato uno dei capolavori del regista giapponese Akira Kurosawa, Vivere (Ikuru) film in bianco e nero del 1952, è una profonda, accurata e matura analisi della condizione umana.

Rappresentata quest’ultima in tutte le sue sfaccettature, ma approfondita con limpida pacatezza ed un’eleganza che ricorda sotto molti aspetti il sentire orientale, costituisce, per mezzo della sua trattazione, un’ottima occasione per riflettere, anche e perché no, confrontandosi con una cultura straniera.

Nessun aspetto dell’esistenza dell’uomo viene tralasciato, a partire dall’infantile (in un’accezione evidentemente non negativa) necessità di giocare, passando poi per le peripezie del lavoratore di mezza età, approdando di fronte alla difficile accettazione di quel genere di malattie che giunge imprevisto ed alla morte come punto di partenza per trattare il senso della vita.

Vivere di Akira Kurosawa - L'uomo in tutte le sue sfumature l'occhio del cineasta2

Il tema chiave del film è appunto questo: l’accettazione della morte, la capacità di sostenerne il cupo sguardo, la forza di partire dal suo improvviso presentarsi per ragionare sulla vita e su ciò che contribuisce a colmarla di significato, per poi viverla certo, ma consapevoli della sua natura fugace.

Il protagonista, il signor Watanabe, interpretato in maniera magistrale da Takashi Shimura, è un anziano impiegato d’ufficio perennemente seduto alla propria scrivania, lo sguardo seminascosto da pile di pratiche da eseguire, e pare vivere un’esistenza al confine con la non-vita.

Chiunque abbia letto qualcosa di Kafka e visto questo film avrà probabilmente trovato delle analogie nella trattazione di questo aspetto della società.

Reso automa biologico da una burocrazia opprimente, compromettente, ostacolo creato appositamente dalla società per la società stessa, rappresentata in maniera estremamente efficace, il signor Watanabe verrà posto dinnanzi alla sua stessa esistenza.

In questa recensione desidero mantenermi sul vago ed invito i lettori, nel momento in cui decidessero di approcciare direttamente questo film, a non cercare troppe informazioni al riguardo.

La non-vita generata dal monotono ripetersi di una quotidianità sistematica avrà modo, nel corso del film, di confrontarsi con varie altre forme di esistenza, ma soprattutto con l’eterno quesito “Cosa rende una vita degna di essere vissuta”?

Kurosawa offrirà la sua risposta, una soluzione provvisoria e soggettiva (chiaramente) all’enigma, che dovrà essere colta solo al termine del film, dopo che varie altre prospettive saranno state confutate dal procedere della vicenda.

Vivere di Akira Kurosawa - L'uomo in tutte le sue sfumature l'occhio del cineasta1

Il finale, del quale non voglio certo parlare, soddisferà, non lascerà con le mani in mano, ad ulteriore dimostrazione che non è una visione pessimistica quella che Kurosawa intende proporre.

Sarà l’idea della morte a far emergere l’esigenza di considerare la vita nella sua purezza, con disincanto, di riflettere sulla dimensione degli affetti familiari e delle relazioni interpersonali, rappresentati nella loro ambivalenza, talvolta scelti come esempio di profonda ipocrisia e superficialità.

Si tratta di un’opera d’arte drammatica, ma capace al tempo stesso di trattare le emozioni dei personaggi, in primis del protagonista, con un equilibrio che non concede alla vicenda di sfociare nel vittimismo o nel sentimentalismo estremo di questi.

In conclusione, “Vivere” è una pellicola in bianco e nero meravigliosa, e lo rimarrà qualsiasi cosa si pensi al riguardo del film in se stesso.

Non potrà piacere a tutti, o meglio, si tratta di un’opera d’arte adatta unicamente a coloro i quali siano disposti a vivere l’esperienza del film come spazio per la riflessione.

E’ un film che invita, ed a ciò ho già accennato, a cercare il contatto con una cultura per certi versi lontana dal sentire occidentale, ma pur sempre innervata di un’umanità che porta con sé le naturali esigenze esistenziali dell’uomo, a riprova del fatto che queste ultime sono presenti in ogni individuo, ovunque si trovi. Nello spazio e nel tempo.

Vivere di Akira Kurosawa - L'uomo in tutte le sue sfumature l'occhio del cineasta

 

NOTE POSITIVE:

  • Ottima interpretazione degli attori
  • Regia e fotografia spettacolari (forte quest’ultima del contributo di Asakazu Nakai)
  • Numerosi spunti di riflessione

 

NOTE NEGATIVE:

  • Il film a tratti può apparire lento, pesante ed estenuante nella sua continua richiesta di partecipazione da parte dello spettatore, con il quale cerca di intessere da subito un dialogo. Mi correggo, può apparire pesante, ma solo a chi non sia disposto ad accogliere la sua profondità (lontana dal sentire di buona parte delle pellicole contemporanee) e le esigenze comunicative del regista.

 

 

 

 

Facebook Comments
 
The following two tabs change content below.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *