the-secret-la-forza-di-sognare-netflix

The Secret – La forza di sognare: Come fare le giuste scelte e lasciarsi andare

the secret la forza di sognare locandina

The Secret – La forza di sognare

Titolo originale: The Secret: Dare to Dream

Anno: 2020

Paese: Stati Uniti d’America

Genere: Sentimentale

Produzione: TRI G, Savvy Media Holdings, Covert Media, Illumination Productions, Robert Cort Productions, Shine Box Media Group

Distribuzione: Lionsgate

Durata: 107 min

Regia: Andy Tennant

Sceneggiatura: Bekah Brunstetter, Rick Parks, Andy Tennant

Fotografia: Andrew Dunn

Montaggio: Troy Takaki

Musiche: George Fenton

Attori: Katie Holmes, Josh Lucas, Jerry O’Connel, Celia Weston, Sarah Hoffmeister, Aidan Pierce Brennan, Chloe Lee, Katrina Begin

Traler subita di The Secret – La forza di sognare

Rimasto, per svariato tempo, nella top 10 dei film più visti su Netflix, The Secret – La forza si sognare (The Secret: Dare to Dream) è la trasposizione cinematografica di The Secret – Il segreto di Rhonda Byrne in cui sono racchiuse delle interviste basate sull’auto – aiuto che si rifà alle teorie proposte nello scritto La Scienza del diventare ricchi di Wallace Wattles e sulla cosiddetta filosofia legata alla Legge di attrazione secondo cui ogni individuo agisce come un magnete in grado di attrarre a sé tutte le situazioni e le cose materiali a cui pensiamo con leggera intensità, dunque per tale riflessione possiamo riassumere il tutto con il motto “Chiedi – Credi – Ricevi”. Il lungometraggio di Andy Tennant si basa su tutto ciò e vede nei panni dei protagonisti due ottimi interpreti conosciuti al grande pubblico, ovvero Katie Holmes ( Joey Potter nella serie TV Dawson’s Creek, Rachel Dawes in Batman Begins,  Jacqueline Kennedy ne I Kennedy) e Josh Lucas (Hulk del 2003 e J. Edgar)

Il lungometraggio doveva essere distribuito nei cinema americani a partire da aprile 2020 ma a causa Covid-19 il film è direttamente approdato in Italia sulla piattaforma Netflix.

Katie Holmes e John Lucas in The Secret - La forza di sognare
Katie Holmes e John Lucas in The Secret – La forza di sognare

Trama di The Secret – La forza di sognare

Miranda Wells (Katie Holmes) è una donna in piena emergenza economica con a carico tre figli, di cui la più grande a sedici anni, in tutto ciò è rimasta vedova dopo che il marito è deceduto in un incidente aereo. Miranda vive nel New Orleans dove lavora in un ristorante di pesce, di proprietà del suo fidanzato, in cui si occupa prevalentemente della scelta del cibo.

Nella cittadina sta per arrivare una tempesta di forte intensità e proprio quel giorno fa la sua comparsa Bray Johnsson (Josh Lucas), un uomo che deve consegnare alla donna una busta contenente qualcosa d’importante e che deve subito dare a Miranda, ma arrivato davanti a lei e alla sua famiglia, una serie di eventi come il tamponamento automobilistico da parte della donna e la tempesta che andrà a distruggere il tetto dell’abitazione della casa della famiglia Wells, causano nell’uomo un moto di pietà che lo porta a compiere delle azioni di bontà verso di loro. Ma cosa si nasconde realmente nella busta? Quale mistero porta con sé Bray?

La famiglia in The Secret - La forza di sognare
La famiglia in The Secret – La forza di sognare

Recensione di The Secret – La forza di sognare

Ci sono solo due modi per vivere la vita: uno è pensare che niente sia un miracolo, l’altro è pensare che ogni cosa sia un miracolo…

The Secret – La forza di sognare

L’universo, il pianeta Terra, una melodia romantica ed eterna al pianoforte con un messaggio filosofico introducono lo spettatore in The Secret – La forza di sognare dando la sensazione di trovarsi all’interno di una storia riflessiva e che sia in grado di viaggiare tra fantascienza e umanesimo per andare a trattare delle tematiche e domande di riflessione sul senso della vita ma il lungometraggio evita tutto ciò preferendo ricalcare le orme di una commedia sentimentale piuttosto frivola e banale che trae dal saggio d’appartenenza solo il concetto alla base: noi siamo ciò che pensiamo, ma il tutto viene sviluppato in maniera non accattivante donando allo spettatore un film mediocre e dimenticabile che sicuramente non farà impazzire ed emozionare ma che allo stesso tempo riesce a risultare una visione di puro intrattenimento adatta a una giornata in cui non sappiamo cosa fare o cosa vedere.

Tutta la mia vita è come quella sensazione viscerale che sta per succedere qualcosa di veramente brutto. E poi … lo fa 

Miranda in The Secret – La forza di sognare

The Secret – La forza di sognare non è che parta da un brutto materiale d’inizio ma non lo riesce a sviluppare come dovrebbe possedendo in sé tutti gli elementi funzionali per creare un thriller filosofico accattivante: un uomo misterioso con una busta, una donna stressata con tre bambini, una tormenta, la quale poteva divenire il time look perfetto per il la storia dove il suo crescendo sarebbe potuto coincidere con il momento di maggior difficoltà della vita dei personaggi. Tutto ciò non avviene e un film che sarebbe potuto benissimo durare dieci minuti si allunga per quasi due ore in cui avviene il rischio di cadere nel ridicolo e nel non senso per un semplice motivo: Chi crede che sia possibile che un perfetto sconosciuto decida liberamente di aggiustarti la macchina e la casa senza volere niente in cambio e senza conoscerti? Il personaggio di Bray possiede dunque un minimo di mistero che spinge lo spettatore a continuare la visione della storia ma man mano che il film procede anche lui risulta un carattere altamente inverosimile, sopratutto dove aver scoperto il risvolto finale.

Se la regia e la fotografia risultano altamente prive d’autorialità ma capaci nel raccontare la vicenda nei migliori dei modi, la sceneggiatura risulta a tratti monotona ed eccessivamente monotematica andando a trattare in maniera troppo evidente un unico tema dall’inizio alla fine e consegnando in fin dei conti un messaggio non proprio così positivo in cui sembra che i soldi facciano la vera e unica felicità e non la famiglia come invece dovrebbe essere in una commedia sentimentale. Il confronto tra povertà e ricchezza inoltre è sempre presente nel film anche nel personaggio inutile e privo di caratterizzazione come Tucker, il fidanzato di Miranda che ricopre il ruolo del partner che seppur buono e bravo non riesce a catturare il cuore della sua fidanzata.

The Secret dunque non è un film brutto ma neppure d’importanza memorabile all’interno del panorama cinematografico sentimentale, ma se amate questo genere allora potete dargli una possibilità e sicuramente non vi annoierà nonostante i suoi difetti.

Note positive

Note negative

  • Lungometraggio eccessivamente lungo
  • Storia banale
  • Il personaggio di Bray risulta incomprensibile nelle sue azioni
  • Il messaggio finale

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.