Logan Browning e Allison Williams in The Perfection

The perfection di Richard Shepard: Un’academia a tinte horror

Recensione del film horror netflix The Perfection di Richard Shepard del 2018 con Allison Williams.
The Perfection locandina film

The perfection

Anno:2018

Paese: Stati Uniti d’America

Genere:Horror, Thriller

Produzione:Capstone Film Group

Distribuzione: Netflix

Durata: 1h 30m

Regia:Richard Shepard

Sceneggiatura:Eric C. Charmelo, Richard Shepard, Nicole Snyder

Montaggio:David Dean

Fotografia:Vanja Cernjul

Musiche:Paul Haslinger

Attori:Allison WilliamsLogan Browning, Alaina Huffman, Steven Weber, Glynis Davies

Trailer italiano di The Perfection

Recensione di The Perfection

The perfection è un horror psicologico che ha debuttato al Fantastic Fest, per poi essere reso disponibile sulla piattaforma di Netflix nel 2018.

Trama di The Perfection

Charlotte Willmore, (Allison Williams, Scappa – Get out), era una giovane promettente violoncellista ma causa della grave malattia della madre fu costretta a lasciare la prestigiosissima accademia “Bachoff”, accessibile a pochissimi talentuosi musicisti. Dopo dieci anni di lunga malattia la madre muore e ora Charlotte è libera, così pensa di riprendere i contatti con l’accademia. Non è più una professionista ma nulla le vieta di rifrequentare quei luoghi e ambienti. Così chiama il suo vecchio insegnante, nonché direttor della Bachoff, Anton, (Steven Weber), il quale si trova Shanghai per selezionare un nuovo talento. Lo raggiunge e lì, passeggiando per il centro, vede in cartellone la sua rivale: Elizabeth, “Lizzie”, (Logan Browning), colei che prese il suo posto da pupilla quando lasciò l’accademia, ormai divenuta famosa e considerata la più grande violoncellista del mondo.

Anton le presenterà e superata l’iniziale ambiguità e formalità, confessandosi la reciproca ammirazione le due stringeranno subito un rapporto molto intimo. Ma qual è la vera intenzione di Charlotte? Perché è tornata?

Analisi di The Perfection

Cosa c’è di più horror della perfezione?! Nella ricerca e nell’ambizione di essa? Da esseri perfettibili e non perfetti quali siamo nulla può generale più pressione psicologica e stress di una ricerca inutile di perfezione. Ma spesso nelle accademie di musica o di danza, in tutti quei luoghi prestigiosi l’ideale di perfezione viene perseguito in modo cieco e risoluto dimenticando le persone e pensando solo all’arte in sé. Costringere qualcuno a qualcosa d’impossibile e non umano significa violentarlo nel profondo e in modo subdolo per cui spesso queste vittime ne restano incoscienti, e quindi doppiamente vittime, mutilate nello spirito.

Spesso questo tipo di formazione è riservato a bambine e bambini, la cui spontaneità e creatività non dovrebbe essere uccisa dal concetto di perfezione, che può far sviluppare in loro un desiderio di fuga e libertà rendendo una cosa bella un incubo, privo di senso. Ma non è la prima volta che questo tema viene trattato nel cinema un altro esempio molto autorevole è rappresentato dal Cigno Nero di Darren Aronofsky.

Il vero pregio di The Perfection sta nella sua struttura anomala e nel suo ritmo, capace di destare sorpresa e curiosità: il racconto è scandito da quattro capitoli: 1. Missione, 2. Deviazione, 3. Casa, 4. Duetto, di cui il due e il quattro contengo una forma particolare in cui prima viene mostrato l’esito e attraverso un rewind viene mostrato l’antefatto che cambia il senso di ciò che si è appena visto, generando twist narrativi, per nulla scontati, aiutati da un gioco di sguardi enigmatici in cui lo spettatore fino all’ultimo non comprende mai, fino in fondo, le loro vere intenzioni, il tutto, poi, culmina in un finale davvero molto bello ed eloquente, coronato da una fotografia molto affascinante.

Note positive

  • Colonna sonora
  • Interpretazione delle due protagoniste femminili

Note negative

  • Nessuna in particolare

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter