Iron Man – La nascita dell’M.C.U.

Iron Man

Iron Man

Titolo originale: Iron Man

Anno: 2008

Paese di Produzione: Stati Uniti d’America         

Genere: azione, fantascienza

Casa di produzione: Marvel Studios, Marvel Enterteiment, Paramount Pictures

Distribuzione: Paramount Pictures

Durata: 126 min  

Regia: Jon Fraveau

Sceneggiatura: Mark Fergus, Hawk Ostby, Art Marcum, Matt Holloway

Montaggio: Dan Lebental

Fotografia: Matthew Libatique

Musica: Ramin Djawadi

Attori: Robert Downey Jr., Terrence Howard, Jeff Bridges, Shaun Toub, Gwyneth Paltrow, Faran Tahir, Clark Gregg, Leslie Bibb, Jon Favreau, Samuel L. Jackson, Stan Lee

Trailer ita del film Iron Man

Recensione Iron Man

Iron Man del regista Jon Fraveau ha dato inizio all’universo condiviso più importa degli anni 2010, una saga cinematografico che, nel bene e nel male, tutti conosciamo: ovvero il “Marvel Cinematic Univers”. Ebbene si, il nostro amato universo dei supereroi di casa Marvel ha avuto origine con il suo supereroe di punta Iron Man che ci ha accompagnato per ben 10 lunghi anni. Il lungometraggio è dunque il primo capitolo della cossidetta Saga dell’infinito facendo parte della fase uno composta da sei pellicole che vanno a presentare alcuni dei personaggi principali della Marvel, come L’incredibile Hulk (2008), Iron Man 2 (2010), Thor (2011), Captain America – Il primo Vendicatore (2011), The Avengers (2012)

Iron Man non ha solo conquistato il cuore dei fan, ma anche quello della critica che lo ha decisamente apprezzato, inoltre il film negli oscar del 2009 è riuscito a essere candidato nella categoria effetti speciali e miglior montaggio sonoro.

Trama

Tony Stark, miliardario playboy, è a capo delle Stark Industries società bellica che fonda i suoi guadagni sulla guerra fornendo l’esercito degli stati uniti delle migliori armi, di distruzione di massa, in circolazione.

In Afghanistan presso una base militare statunitense, Toni Stark presenta la sua nuova arma, il missile Jericho, terminata la presentazione si reca verso il suo jet privato per tornare in patria ma durante il tragitto di ritorno il convoglio dove si trovava viene attaccato e Tony Stark viene rapito.

Durante il rapimento l’imprenditore viene gravemente ferito, infatti è stato coinvolto in un’esplosione e numerose schegge sono finite nel suo petto e vanno velocemente verso il cuore rischiando di ucciderlo. Stark si riesce a salvare grazie all’intervento del suo compagno di prigionia Yinsen, un fisico che per salvarlo gli impianta un elettromagnete nel petto alimentato da una batteria di un’auto così facendo le schegge rimarranno lontane dal cuore.

Al suo risveglio Tony Stark viene obbligato dai terroristi a costruire il suo micidiale missile Jericho fornendogli tutti i materiali necessari, in quanto i terroristi possiedono un arsenale di armi delle Stark Industires. Appresa la terribile notizia Tony decide fuggire dalla prigione costruendo prima un mini-reattore Arc alimentato al palladio per sostituirlo all’elettromagnete che ha nel petto, e poi con i restanti materiali costruire un’armatura con la quale sarà in grado di fuggire dalla prigione insieme al suo amico Yinsen.

Nei giorni successivi, aiutato sempre dal suo ormai amico Yinsen, costruisce in fretta l’armatura all’insaputa dei terroristi; finita la costruzione i nostri protagonisti tentano la fuga ma solo Tony riesce a evadere grazie anche al sacrificio di Yinsen. Scappato dalla prigione l’uomo vaga per il deserto fino a quando non viene recuperato e portato a casa dal suo amico il tenente colonnello James Rhodes.

Tornato a casa Tony decide di chiudere immediatamente la divisione delle produzioni di armi, infatti in Afghanistan i terroristi avevano molte delle sue armi nonostante le Stark Industries le producessero esclusivamente per l’esercito americano. Tornato nel suo laboratorio casalingo Tony, preso da un senso di giustizia, decide di sostituire il suo attuale reattore Arc con uno più avanzato e con l’aiuto di J.A.R.V.I.S., intelligenza artificiale creata da lui, iniziare la costruzione di una nuova armatura molto più avanzata di quella costruita nel deserto da utilizzare per fermare eventuali terroristi in possesso delle sue armi. Dopo un primo tentativo andato male Tony ne tenta un secondo correggendo gli errori della prima armatura costruendo un secondo esemplare molto più resistente del suo predecessore.

Quella stessa sera Tony si dirige alla festa di beneficienza in suo onore e li scopre che le armi della sua azienda vengono ancora vendute ai terroristi nel deserto, preso da un senso di giustizia indossa la sua nuova armatura e si dirige immediatamente nel deserto dove sconfigge i terroristi e distrugge le sue armi rubate.

Spoiler di Iron Man

Poco tempo dopo i terroristi vengono raggiunti dall’uomo che ha ordinato il rapimento di Tony Stark, ovvero suo mentore e amico di famiglia Obadiah Stane il quale ormai senza Tony Stark ha il controllo della compagnia a cui aveva dato la vita e prende i progetti dell’armatura usata da Tony nel deserto per renderla un’arma da usare in suo favore. Ma ad Obadiah serve ancora una cosa il mini-reattore Arc, così mette insieme un gruppo dei più capaci ingegneri della Stark Industries per la sua costruzione, ma gli ingegneri falliscono così Obadiah è costretto a rubare il reattore direttamente dal petto di Tony, il quale con fatica riesce a sopravvivere, grazie al suo primo reattore che aveva costruito nel deserto, e prendendo la sua armatura si dirige immediatamente da Obadiah per fermarlo ma arrivato lo aspetta una sorpresa.

Infatti Obadiah è riuscito a costruire una versione molto più grande e distruttiva di quella di Tony, che con le sue ultime forze e con l’armatura gravemente danneggiata alla fine riesce a sconfiggerlo e a porre fine alla sua missione di conquista.

Dopo questi fatti il mondo si accorge di Iron Man, e Tony è costretto a decidere se rivelarsi o mantenere l’anonimato; anche se in un primo momento aveva deciso di mantenere segreta la sua doppia vita Tony Stark decide di rivelarsi al mondo come Iron Man.

Quella stessa sera un uomo misterioso di nome Nick Fury, decide di fare visita al nostro eroe e di parlargli di un’iniziativa che potrebbe interessargli, questa iniziativa è chiamata Vendicatori…

Analisi di Iron Man

Parliamo di un film che ha dato al via al più conosciuto universo condiviso dell’ultimo decennio, e che dire l’M.C.U. non poteva partire meglio di così. Iron Man è un piacevolissimo mix di effetti speciali sorprendenti e azione, ma lascia lo spazio anche alla lettura dell’uomo che c’è dentro l’armatura. Infatti il regista ci mostra un Tony Stark, che dopo una vita da scapolo decide di fare qualcosa di buono e di fare tutto quello che è in suo potere per rimediare agli errori del passato, inserendo nella storia non solo istanti d’azione di puro intrattenimento ma andando a creare un personaggio piuttosto tridimensionale che, nell’arco della narrazione, attiva in sé un percorso di crescita e maturazione personale portandolo a riconsiderare completamente la sua stessa vita e il senso stesso del mondo che lo circonda rintracciando in sé una forza e una volontà a lui stessa sconosciuta; il tutto viene mostrato attraverso un attenta regia e un buon montaggio che sa mixare bene i momenti di pathos con quelli di maggior riflessione.

Le interpretazioni dei personaggi sono quasi perfette soprattutto quella di Robert Downey Jr., il quale interpreta con molta naturalezza il playboy milionario dando una grande prova di sé e di essere praticamente nato per fare questo ruolo. Il resto del cast si comporta molto bene soprattutto la nostra Gwyneth Paltrow e il nostro cattivo della storia Jeff Bridges.

Nel complesso l’opera di Favreau è di tutto rispetto mettendo insieme delle buonissime interpretazioni dei personaggi a degli effetti speciali e a delle musiche di tutto rispetto rendendo la visione, anche allo spettatore più profano, piena d’azione e di divertimento.

Aspetti Positivi:

  • Musiche
  • Robert Downey Jr.
  • Effetti speciali

Aspetti Negativi:

  • Conclusione troppo frettolosa

Rimani in contatto con noi!

Inserisci il tuo indirizzo email qui sotto per iscriverti alla nostra newsletter