Gli uccelli film

Gli uccelli: Il catastrofismo insito nel thriller hitchcockiano

Recensione del cult movie Gli Uccelli, un gioiello di Alfred Hitchcock che non invecchia col passare del tempo., immettendo una costante paura nello spettatore.

Gli uccelli

Titolo originale: The Birds

Anno: 1963

Paese: Stati Uniti d’America

Genere: Thriller

Casa di produzione: Universal Studios

Prodotto da: Alfred Hitchcock

Durata: 1 hr 59 min (119 min)

Regia: Alfred Hitchcock

Sceneggiatura: Evan Hunter

Montaggio: George Tomasini

Dop: Robert Burks

Colonna sonora: Bernard Herrmann

Attori: Tippi Hedren, Rod Taylor, Jessica Tandy, Suzanne Pleshette, Veronica Cartwright, Ethel Griffies, Charles McGraw, Ruth McDevitt, Lonny Chapman, Joe Mantell, Doodles Weaver, Malcolm Atterbury, John McGovern, Karl Swenson, Richard Deacon

Acquista il Dvd del film: clicca qui

Il dvd con 15 opere del regista: clicca qui

Trailer sub ita del film Gli Uccelli

Recensione de Gli Uccelli

Mitch, è strano, non crede? Il gabbiano quand’ero in barca ieri sera, poi quello da Annie stanotte… Mitch, che sta succedendo?

CIT, MELANIA DANIELS (TIPPI HEDREN)Gli uccelli

Ispirato a un racconto di Daphne du Maurier e sceneggiato dal giallista Ed McBain (col suo nome anagrafico, Evan Hunter), Gli uccelli è uno dei film più terrificanti del “Maestro del brivido” Alfred Hitchcock, tecnicamente eccellente, in cui la tensione viene fatta gradualmente aumentare mano a mano che la costruzione drammatica della vicenda diviene sempre più imprevedibile e terrorizzante.

Gli uccelli è un caposcuola del filone catastrofico mescolato al thriller, tanto recondito nei meccanismi psicologici e sociali quanto peculiare per prerogative estetiche, di costruzione delle attese e cesellazione di forti immagini drammatiche che sappiano evocare l’autenticità della vita reale, senza filtri o facili soluzioni e lieti fini.

Figlio di un periodo storico in cui ci si credeva prossimi all’olocausto nucleare, il capolavoro di Hitchcock ne rispecchia le incertezze e il clima di mortalità, fomentando uno spettacolo visivo che in più di un’occasione è tuttora capace di far stringere i braccioli della poltrona finché le nocche non diventano bianche.

TRAMA DI GLI UCCELLI

Vorrei avere un carattere più forte. Ho perduto mio marito quattro anni fa. È tremendo come si abbia bisogno di qualcun altro per sentirsi forti. E ad un tratto tutta la forza se ne va e si rimane soli.

CIT. LYDIA BRENNER (JESSICA TANDY) in Gli Uccelli

La giovane Melania Daniels (l’allora esordiente Tippi Hedren) è in viaggio per Bodega Bay, California. Qui conosce l’affascinante avvocato scapolo Mitch Brenner (Rod Taylor), e subito dopo viene accidentalmente ferita alla testa da un gabbiano. Ben presto, il comportamento anomalo dei volatili incrementa di aggressività, e interi stormi di corvi e gabbiani scendono in picchiata sulla cittadina di lago attaccandone gli abitanti e provocando addirittura un incendio.

Nel frattempo, Melania rimane intrappolata nella casa della famiglia di Mitch, e cerca di far luce sul mistero della rivolta degli uccelli.

Analisi de Gli Uccelli

Unico film fantastico nella carriera di Hitchcock, comincia in cadenze di commedia mondana e termina nei toni di un’allegoria apocalittica, basata sulle 3 unità della tragedia classica (luogo, tempo, azione). Inquietante, non soltanto impressionante.

cit. Il Morandini

Tra i pregi principali che impreziosiscono la magniloquenza di Gli uccelli c’è l’assenza di spiegazioni. Non si scoprirà mai perché i volatili aggrediscono l’uomo, soprattutto perché si tratta di speci comuni e innocue, e ciò non farà altro che accrescere un senso di inquietudine destinato a non stemperarsi mai, nemmeno quando dilaga una vena d’ironia. Fondamentale nel perfezionamento dell’impianto orrorifico è la colonna sonora curata dal sodale hitchcockiano Bernard Herrmann, composta principalmente suoni e rumori tipici degli uccelli amplificati elettronicamente.

Il film Gli Uccelli si apre come una commedia sentimentale, con la protagonista costretta a misurarsi con la rapace possessività della madre di Mitch, Lydia (Jessica Tandy). Poi irrompe l’orrore, gli attacchi si fanno più grevi, la violenza prende il sopravvento per caricare la purezza di un dramma destinato a riferirsi alla caduta inesorabile della civiltà sotto i colpi di una forza incontrollata e inarrestabile.

Poco importa se la tecnica degli effetti speciali risulta datata ai nostri occhi smaliziati di spettatori moderni, perché la mano di Hitchcock esalta la drammaturgia con una severità equilibrata che non transige sulla crudezza degli eventi. E poi c’è il finale per nulla risolutivo che, con quell’automobile inghiottita nella notte da migliaia di occhi di uccelli, stuzzica l’interpretazione dello spettatore riguardo il futuro poco consolatorio della razza umana. Capolavoro.

NOTE POSITIVE

  • Il mestiere solido di Hitchcock. nell’accrescimento di paura e terrore
  • L’efficace colonna sonora di Bernard Herrmann.
  • La sceneggiatura giocata sulla psicologia dei personaggi e sull’assenza di spiegazioni.
  • La credibilità delle reazioni degli interpreti.

NOTE NEGATIVE

  • Nessuna

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter