Fear The Walking Dead 5 – Scheda serie tv

Anno: 2019

Paese di produzione: Usa

Genere: drammatica, horror

Stagione: 5

Puntate 16

 

CAST TECNICO

 

Ideata: Robert Kirkman, Dave Erickson

Showrunner: Andrew Chambliss, Ian Goldberg

Aspect Ratio: 16:9

Distribuzione: AMC

 

CAST ARTISTICO

Alycia Debnam-Carey, Rubén Blades , Colman Domingo , Danay García , Maggie Grace, Garret Dillahunt , Lennie James , Jenna Elfman , Alexa Nisenson , Karen David , Austin Amelio Matt Frewer, Colby Minifie

Fear The Walking Dead 5 – La recensione della serie tv

Ambientata nell’universo dei fumetti di Robert Kirkman e spin-off dell’acclamata serie AMC The Walking Dead, lo show sugli zombi è giunto, senza non pochi problemi narrativi e di delusioni da parte dell’opinione pubblica, alla sua quinta stagione che vede in veste di Showrunner Andrew Chambliss e Ian Golderg che hanno preso in mano la serie quando questa era giunta alla fine della quarta stagione. Onestamente nella loro prima esperienza nel franchise hanno fatto un enorme caos distruggendo quel poco di buono che Dave Erickson era riuscito a fare, soprattutto nella prima stagione.

Senza cattiveria, fatico a rintracciare a partire dalla quarta e sempre più in questa quinta stagione lo spirito per cui era nata Fear The Walking Dead, ovvero mostrare il primo periodo, oscuro nella serie madre, in cui il mondo è andato a rotoli e, onestamente, per far ciò bastava una miniserie o al massimo due stagioni. Dopo il terzo capitolo della storia si ha la sensazione di essere catapultati in un nuovo spin-off di Fear The Walking Dead e di TWD, soprattutto a causa della narrazione utilizzata nella stagione precedente che viene, in parte, ripresa nei sedici episodi che sono stati trasmessi nel 2019 e che per la prima volta non vedono un’interruzione della messa in onda, nonostante il season 5 sia ancora diviso in due parti ben distinte.

Trama

Alla fine della stagione precedente il gruppo con a capo Morgan, che doveva inizialmente condurre i personaggi ad Alessandria per iniziare una nuova vita, decide di rimanere dove si trovano e di seguire il messaggio d’amore e di aiuto del prossimo di un camionista ormai deceduto, che lasciava per strada delle provviste in una scatola con iscritto

Questo mondo può sorprendervi. Prendete ciò che vi serve e lasciate il superfluo

Cit. Fear The Walking Dead

Fear the Walking Dead (2015)

Trovato un posto vivibile, il gruppo, con individui che si sentono in colpa per ciò che hanno fatto nella loro nuova vita avendo ucciso degli umani, cerca di espiare le proprie colpe per salvare il prossimo. Ma il pericolo è dietro l’angolo: un uomo, Logan, li farà andare in un luogo pieno di contaminazioni per cercare in quella “abitazione”, in cui il gruppo risiede, informazioni su una piattaforma petrolifera, ma lui non è il danno collaterale peggiore, un gruppo d’individui comandati da Virginia affermano di voler aiutare il prossimo ma allo stesso tempo vanno a uccidere tutti quelli che non rientrano, a loro avviso, nel futuro. Come affronteranno queste sfide?

Analisi Filmica

La quinta stagione parte male ed è innegabile ammetterlo, ma superate le prime quattro puntate, la storia incomincia lentamente a ingranare ma tutta la prima parte narrativa, pur avendo tematiche nuove e interessanti come la presenza di una centrale nucleare che sta per scoppiare da un momento all’altro e, il reinserimento di un paio personaggi, come Grace l’ultima rimasta viva dalla prima perdita radioattiva e il ritorno di Daniel ( ma non era morto?) con il suo amico gatto, e la presenza di Dwigth proveniente dalla serie madre,  non è di grande interesse ma il racconto sembra non essere in grado di muoversi in qualche direzione anche a causa di una totale assenza di un reale cattivo. Si abbiamo Logan ( che ricorda assai Negan nel nome) ma non fa minimamente paura allo spettatore apparendo più che altro come un uomo che ha smarrato la propria strada interiore. La riflessione risulta, nelle prime otto puntate, essere: di chi possiamo realmente fidare?

La puntata più meritevole d’essere ricordata è probabilmente quella più intimistica della prima parte narrativa, ovvero la 5×05 “The End of Everything” in cui si ha una storia semplice e d’amore tra Althea e colei che è riuscita a catturarla Isabella, inoltre questa vicenda introduce un elemento che ritroveremo indubbiamente nei film su Rick Grimes perché l’aereo che scorgiamo è il solito che, più avanti nel tempo, andrà a prendere l’uomo morente sul fiume portandolo in un luogo che dalle parole di Isabella sembra tutt’altro che buono.

Sydney Lemmon

La seconda parte presenta il ritorno nel loro luogo naturale e il piccolo “scontro” con Logan che in verità non è altro che il preludio per presentare il vero nemico delle ultime puntate e della sesta stagione: Virginia e i suoi boyscout a cavallo. Qui la tematica si sposta totalmente: cosa significa realmente aiutare in un tempo come quello che stanno vivendo i nostri personaggi, dove saper uccidere sembra essere fondamentale?

Morgan ritiene che ogni individuo meriti di vivere e di essere aiutato anche se, per compiere tale azione si metterà a rischio l’intera sopravvivenza del gruppo, mentre Virginia asserisce che per creare il futuro servono solamente i più forti e coloro che sono fisicamente in grado di migliorare le cose, per lei una donna malata come Grace o un uomo in carrozzina sono semplici pesi morti.  Il finale però mostra realmente la natura della donna che si dimostra essere realmente malvagia andando a ferire a morte uno dei nostri protagonisti, benché si potesse presumere che fosse al capolinea ( almeno lo spero) avendo risolto tutti i suoi mostri interiori.

Se siete là fuori da soli, noi possiamo aiutarvi. Tenete duro, stiamo venendo a prendervi

Cit. Fear The Walking Dead

Pur essendo superiore alle attese e di gran lunga meglio realizzata delle precedenti due stagioni, la storia cade su una sceneggiatura alquanto ridondante nel suo tema. Morgan, Alicia e gli altri non fanno altro che asserire, anche attraverso i video intervista da loro girati, che devono aiutare, che hanno bisogno di aiutare, che quello è il loro scopo, che loro possono e  devono far del bene per rimediare a ciò che hanno fatto nel passato. Giusta tematica, dato che si distacca dalla serie originale, ma onestamente sentirsi ripetere per sedici puntate questo ritornello diventa pesante all’orecchio dello spettatore. Nella seconda parte possiamo rintracciare una delle puntate di miglior fattura  emozionale dell’intera stagione oltre che nel riuscire a condurre due personaggi, Grace e Morgan, avanti interiormente portandoli a un primo scontro con le loro reali paure. In 210 Words Per Minute i due rimangono rinchiusi in un centro commerciale e nascono tra i due dei giochi di silenzi, sguardi intensi che preludono il loro amore.

morgan e grace love story

Interessante nella seconda parte il costante uso di elementi metacinematografici: lo spettatore vede gli eventi attraverso lo sguardo delle telecamere che Althea e gli altri membri del gruppo utilizzano per mostrare a tutti i sopravvissuti quello che loro sono in grado di fare, infine questi video verranno anche utilizzati per screditare all’opinione pubblica l’azione di Virginia, la quale inizierà a sua volta a realizzare delle cassette su ciò che lei sta facendo.

Note positive

  • L’uso metacinematografico
  • Il finale, che se è come sembra, darà un nuovo cambiamento di stile alla storia portando i personaggi ha scontrarsi con ciò che sono e che erano in precedenza.

Note negative 

  • La prime tre puntante e il tema affrontato nelle prime otto
  • La sceneggiatura che ricalca continuamente il Buonismo di Morgan
  • Il finale aperto, che poteva e doveva essere più traumatico un po’ come le prime uccisioni per mano di Negan.