batman begin poster nolan

Batman Begins: rivisitazione di un mito

Scheda e recensione del film di Christopher Nolan "Batman Begins". La pellicola è il primo capitolo della trilogia reboot del Cavaliere Oscuro.
Scheda Film Recensione Scheda Film

Batman Begins – Scheda Film

Anno: 2005

Paese: Stati Uniti d’America, Regno Unito

Lingua: Inglese

Genere: Azione , Drammatico

CAST TECNICO

Regia: Christopher Nolan

Sceneggiatura: Christopher Nolan, David S. Goyer

Montaggio: Lee Smith

Dop: Wally Pfister

Musica: Hans Zimmer, James Newton Howard

Prodotto da: Emma Thomas, Charles Roven, Larry J. Franco

Casa di produzione: Warner Bros., Legendary Pictures, DC Entertainment

Durata: 2 hr 20 min (140 min)

Aspect Ractio: 2.35:1

CAST ARTISTICO

Christian Bale, Liam Neeson, Michael Caine, Gary Oldman, Katie Holmes, Cillian Murphy, Morgan Freeman, Tom Wilkinson, Ken Watanabe, Rutger Hauer.

Recensione

Batman Begins – Recensione film

Perché cadiamo, Bruce? Per imparare a rimetterci in piedi.

Cit. Batman Begins

Quando ancora il cinecomic non era divenuto un fenomeno di costume legato agli universi cinematografici condivisi, i grandi eroi della cultura di massa prendevano vita in vere e proprie pellicole d’autore in cui i registi più talentuosi venivano chiamati a mettersi in gioco, fondendo il loro stile riconoscibile con la mitologia supereroistica.

Così, dopo il sottovalutato Hulk (2003) di Ang Lee e l’acclamata trilogia di Spider-Man (2002-2007) di Sam Raimi, anche il talentuoso autore di Memento,Christopher Nolan, si avvicina al mondo degli avventurieri in calzamaglia con una trilogia dedicata a Batman.

Primo capitolo della saga, Batman Begins del 2005 si è rivelato una scommessa vinta alla sua uscita. Il rischio di realizzare un prodotto non all’altezza era alto, visti i raccapriccianti precedenti di Joel Schumacher (Batman & Robin), ma la coinvolgente storia ben scritta da Nolan e dal suo co-sceneggiatore David S. Goyer ha dato vita al perfetto calcio d’inizio per un’epopea che ormai ha fatto la storia del cinema di matrice fumettistica e non solo.

Batman Begins (2005) morgan feeman

Trama

L’addestramento è niente; la volontà è tutto!

cit. Batman Begina

Bruce Wayne (Christian Bale) è il rampollo di due coniugi miliardari filantropi di Gotham City che una notte vengono uccisi da un criminale. Combattuto fra il dolore e il desiderio di vendetta, Bruce compirà un viaggio per il mondo votato alla ricerca dei mezzi per combattere le ingiustizie, e una volta tornato a Gotham, servendosi di corazza e armi high-tech, veste i panni di Batman e si allea con il poliziotto Jim Gordon (Gary Oldman) per combattere contro coloro che minacciano la sicurezza della città.

Gary Oldman and Christian Bale in Batman Begins (2005)

ANALISI FILMICA

Non è tanto chi sono, quanto quello che faccio che mi qualifica.

Cit. Batman Begins

Il colpo di genio del Nolan sceneggiatore è stato trasportare un’icona pop in un contesto organico e votato al realismo, non fumettoso come era già accaduto nelle precedenti incarnazioni cinematografiche di Batman. Tale scelta è giustificata dall’intenzione del regista di costruire un discorso tutt’altro che banale sul senso di responsabilità in un mondo violento e sulla paura e i suoi effetti sulla psiche (affrontati ampiamente nella prima parte del film, dal tono più introspettivo).

Tecnicamente il film si attesta ad un livello eccellente. La regia di Nolan, grezza e ruvida, si adegua perfettamente alla caratterizzazione visiva di una Gotham sporca e degradata che si rifà sia alla Los Angeles piovosa di Blade Runner che alla Gotham disegnata da Frank Miller in Batman Anno Uno. Buoni e saggiamente centellinati gli effetti speciali, ben mascherati alle riprese live dalla fotografia a tinte fosche di Wally Pfister.

Delizia della pellicola è il cast da urlo: Christian Bale dà vita al miglior Batman mai visto sullo schermo anche grazie a uno spessore psicologico che ormai è merce rara in film di questo tipo; Michael Caine, il fedele maggiordomo Alfred, è cristallino, così come cristallini sono Morgan Freeman e Gary Oldman; da menzionare la presenza autorevole di Liam Neeson, che dona fascino e carisma alla figura del mentore spirituale di Batman. Nota di demerito per l’insipida Katie Holmes (nel film, l’amore della vita di Wayne), senza dubbio colei che offre l’interpretazione più insoddisfacente.

Liam Neeson

La colonna sonora è firmata da Hans Zimmer e James Newton Howard, ed è una partitura dal sapore primordiale, in perfetta sintonia con la genesi del supereroe, studiata alla perfezione sia nell’orchestrazione che nell’elettronica in una fusione suggestiva di motivi tribali, arie dal sapore wagneriano e minacciosi versi animali realizzati coi synth.

Tralasciando alcune banalità nell’intreccio del secondo atto, che paga il suo tributo al cinema action, le due ore e venti di durata filano che sono una bellezza e l’epico finale che introduce Joker è un biglietto da visita perfetto per il strepitoso Cavaliere Oscuro del 2008.

Lati positivi

  • L’immaginario di Batman viene messo in scena con crudo realismo per raccontare un’avvincente storia di responsabilità e terrorismo.
  • Christopher Nolan si dimostra un regista attento allo stile visivo e uno sceneggiatore che sa dotare il tutto della giusta introspezione psicologica.
  • Christian Bale interpreta il miglior Batman visto sullo schermo; gli attori di contorno supportano alla grande la parabola del protagonista.
  • La colonna sonora di Zimmer e Newton Howard, in perfetta sintonia con le origini del supereroe, è un miscuglio di suoni suggestivi che vanno dall’orchestrazione all’elettronica, passando per sonorità più ancestrali e tribali.

Lati negativi

  • Il secondo atto risulta a tratti un po’ banale, dovendo conformarsi ai dettami del blockbuster action supereroistico.
  • Il personaggio di Katie Holmes è insipido e poco soddisfacente.

Newsletter Updates

Enter your email address below to subscribe to our newsletter